5 strategie per un guardaroba a capsule etico all'estero: il buon commercio

The best protection against click fraud.

Ridurre e partire per un'avventura globale

Poco più di un anno fa, ho iniziato la mia vita come blogger a tempo pieno. Il mio ragazzo, Porter, e io amavamo gestire il nostro blog, Città di riposo, tenendo il passo con gli account Instagram il cui stile fotografico ci ha ispirato e riversandoci in questo nuovo, eccitante, scoraggiante e illimitato campo. Ma c'era un pisello conficcato in fondo alla nostra pila del materasso, e anche se non sapevamo ancora dove fosse, potevamo sentirlo e l'irrequietezza e l'insoddisfazione che portava con sé.

Ci è voluto un po' di tempo per definire esattamente cosa c'era che non andava, ma quando l'abbiamo fatto, è diventato evidente che non era una cosa da poco: come la grande maggioranza dei blogger di stile, ci siamo resi conto che condividendo costantemente nuovi abiti sulle nostre piattaforme di social media, stavamo inconsciamente rafforzando l'idea che l'eccesso aggiunge valore, un'idea che è direttamente contraria alla nostra convinzione sistema. Riconoscere il nostro coinvolgimento nell'aumentare il volume di quel mantra consumista è stato un grande campanello d'allarme e ci ha portato direttamente al cancello principale di quella grande e torreggiante parola di sei lettere: cambiamento.

Moda con uno scopo

Abbiamo deciso che era giunto il momento di arrendersi un po', di ripulire i nostri armadi, cassetti e armadi imbottiti e il tempo di leggere più a fondo il movimento della moda con uno scopo. Era giunto il momento di abbozzare esattamente ciò che contava, la M maiuscola, e tracciare i confini tra ciò che volevamo fare: gestire un blog di successo sullo stile di vita e quello che volevamo dire: che ci sono infinite opportunità per fare e sentirsi bene nei piccoli modi di ciò che indossi e di come ti comporti e della vita che creare.

Quindi, in pochi mesi, stiamo partendo per un viaggio indefinito intorno al mondo, dotato di un guardaroba a capsule etico composto da marchi che desideravamo ardentemente vedessero avere successo, mentre raccontava il tipo di stile di vita nomade che avevamo un tempo speravo di sperimentare in quella nebbiosa terra di confine "un giorno". E anche se le persone si appoggiano alla frase "ci stiamo lasciando tutto alle spalle", sembra proprio l'opposto quello; tutto ciò che conta sarà con noi.

Speriamo di dimostrare che lo stile etico può essere incorporato in modo fluido nel tuo guardaroba senza dover sostituire ogni altro capo, e senza che sia accompagnato da quella che alcuni considererebbero la decisione che cambia la vita di non acquistare mai più un articolo non etico. Anche se questo risultato sarebbe fantastico, non pensiamo che sia realistico e spesso lo abbiamo trovato sminutivo quando i siti etici fanno vergognare i consumatori a provare un tremendo senso di colpa se anche solo guardano Zara ancora.

Strategie per creare il tuo guardaroba a capsule

Non siamo in viaggio per il senso di colpa; non stiamo nemmeno cercando di fare in modo che il nostro pubblico faccia il passaggio in piena regola all'etica. Stiamo solo cercando di piantare un seme, per fare in modo che le persone che non avrebbero mai pensato a dove sono stati fabbricati i loro vestiti inizino a pensare esso, per mostrare che avere meno cose materiali non è in realtà correlato a un tipo di senso meno appagante, di successo, vita. Se dovessimo scomporlo in cinque lezioni che speriamo i nostri lettori raccolgano, sarebbe questo:

1. Sapere dove sono fatti i tuoi vestiti è potenziante.

Prendere l'abitudine di controllare le etichette, capire cosa denotano certi "made-in" sulle condizioni di lavoro e sulla qualità della vita dei lavoratori che hanno costruito il pezzo vostro tenere in mano (forse poche settimane prima che ti raggiunga le mani!) è un modo fantastico per aumentare la consapevolezza di quanto spesso i rivenditori sacrificano le condizioni dei loro lavoratori per un prezzo irrisorio prezzo.

2. Avere meno vestiti può effettivamente significare avere più cose immateriali.

Mark Zuckerberg indossa lo stesso identico outfit ogni giorno in modo da potersi concentrare completamente sul pensare a progetti creativi. Non stiamo suggerendo a tutti di seguire quel modello, ma c'è qualcosa da dire su un guardaroba più piccolo che porta più tempo ed energia. Se riesci a pensare anche solo un po' meno a ciò che indosserai o comprerai, la linea di fondo è che avrai più energia, concentrazione e tempo per perseguire altre passioni.

3. Investi in un guardaroba che ami per il massimo ritorno possibile.

Se possiedi il maglione A e il maglione B e ti piacciono molto entrambi, ma, data la possibilità, scegli sempre il maglione A, non hai bisogno del maglione B. Investire solo in oggetti che raggiungerai sempre è incredibilmente importante. Se non stai acquistando vestiti solo per un singolo evento, ma stai davvero considerando il tuo guardaroba come un investimento equivalente benefico come dieta o regime di esercizio, sarà di qualità superiore, durerà più a lungo e amerai moltissimo ogni articolo di più.

4. Parlare della provenienza dei nostri vestiti dovrebbe essere comune quanto parlare della provenienza del nostro cibo.

Al giorno d'oggi i prodotti biologici sono di gran moda, ma lo sono anche etichette come "senza gabbia" e "nutriti con erba". Se prendiamo la qualità della vita di animali che ci forniscono cibo seriamente, quindi dovremmo assolutamente prendere in considerazione la qualità della vita delle persone che ci forniscono vestiti sul serio. Entrambi sono necessità di base, entrambi i processi meritano la nostra empatia. Chiedi ai tuoi amici completamente organici se sanno in che tipo di condizioni di lavoro è stata realizzata la loro vasca da yoga o avvia una conversazione sul perché l'etichetta delle uova prive di gabbia ti fa sentire bene con il prodotto che stai acquistando, ma le etichette "senza esenzione" devono ancora abbellire anche una piccola percentuale di Etichette per magliette. Non limitarti a contemplare le cose, parlane.

5. C'è di più in un buon capo di abbigliamento oltre allo stile.

Sappiamo che una buona fragola estiva va bene perché non sono stati usati pesticidi, ma solo l'ambiente abbastanza sole, e l'agricoltore è stato meticoloso nel cogliere quelli più belli e portarli al banco della fattoria veloce. Ma quando si tratta di vestiti tendiamo a pensare solo a una cosa: come stanno. Le mele acide non sembrano molto diverse da quelle di Gala all'esterno, ma un morso e sai che non sono la stessa cosa. Considera l'abbigliamento non etico la mela acerba dell'industria della moda. Cerca di evitare che il design prevalga sull'importanza della bontà a tutto tondo. Prendi l'abitudine di renderti conto che anche se un oggetto ti sta benissimo, non riguarda solo te. Proprio come puoi far risalire la fragola al contadino, quell'acquisto ti lega al modo in cui è stata prodotta.

Un passaggio da dove a come

Le persone potrebbero seguire la nostra avventura globale e pensare che siamo completamente concentrati su dove siamo e dove siamo verso il prossimo e da dove veniamo, ma è il nostro obiettivo e l'intenzione di consentire a quella concentrazione sul "dove" lavorare in superficie solo; per distrarli da un diverso focus subconscio speriamo di risvegliare gli straordinari: un focus sul come. Come sono stati realizzati i miei vestiti? Come mi è arrivata questa maglietta dalla fattoria del cotone al produttore? Come è stato tinto, cucito e consegnato e, soprattutto, come possono le mie decisioni su cosa indossare e compra essere più informato, eco-consapevole, empatico con gli altri e riflessivo di ciò che so essere giusto e sbagliato? Senza quei "dove" non credo saremmo in grado di attingere a quei "come", ma con loro forse lo saremo.

Il potere ei vantaggi di fare buone azioni per le altre persone

Una vera appassionata di fai-da-te, Shasta si diverte a tutto, dal colorarsi i capelli ai lavori di riparazione in casa.Il potere ei vantaggi di fare buone azioni per le altre personebrett giordaniaPerché dovresti fare atti di gentilezza?Perché do...

Leggi di più

L'importanza di essere un buon vicino

Ex insegnante di inglese al liceo e membro dei Lake Superior Writers che ama il giardinaggio e le attività all'aperto.Motivi per cui è importante essere un buon vicino.Marii Siia tramite Unsplash; TelaPuoi scegliere i tuoi amici, ma non puoi scegl...

Leggi di più

Articoli di Natasha Pelati

Natasha è una poetessa e scrittrice pubblicata e ha lavorato anche all'estero come attrice!Decor, catering e intrattenimento è ciò in cui è specializzata e ha una compagnia di eventi e un'agenzia di artisti che gestisce animatori.Ama testare risto...

Leggi di più